indietro            

 

 

Arte in Calabria  1960 - 2000

 

 

 

 

franco  sammarco

presidente del Centro Capizzano

 

 

Il Centro per l’arte e la cultura “A. Capizzano” nasce nel 1997 con la vocazione per l’arte dell’Ottocento e del Novecento. In questi anni si sono succedute molte mostre su questi periodi storici, cercando sempre di coniugare la riscoperta di figure eminenti della cultura artistica calabrese con i relativi contesti storici nazionali e internazionali.

Ora l’istituzione di un Museo permanente, il MAON, riferito all’arte moderna e contemporanea, è il naturale sviluppo di un percorso fin qui seguito, nell’intento di dotare Rende, Cosenza e la Calabria di un luogo dove poter raccogliere e mostrare le opere di artisti non solo calabresi ma di quanti in questi due secoli hanno avuto a che fare con la nostra terra e, più in generale, con il Meridione.

L’attività del Centro “Capizzano”, ed ora del MAON, si caratterizza per l’assoluta novità delle proposte che sono produzioni originali, organizzate prevalentemente con professionalità calabresi che hanno tuttavia saputo aprirsi anche all’apporto esterno. In questa direzione va la costituzione di un comitato scientifico con il fior fiore dei critici d’arte e storici italiani, proprio per garantire l’alto profilo delle scelte e accreditare le nostre proposte; in questo modo tanti giovani, anche fra quanti escono dalle nostre università e accademie,  hanno la possibilità di far delle esperienze solo fino a qualche anno fa impensabili. L’accoglienza loro riservata dal nostro Centro è un fatto ormai consolidato;  la loro formazione è un disegno che ci sta a cuore e che speriamo possa sviluppare in futuro concrete occasioni di lavoro intellettuale. 

Palazzo Vitari sta diventato poco alla volta un luogo di competenza e progettualità, di ricerca e di didattica. Le scuole che sistematicamente visitano le nostre mostre  sono la migliore gratificazione, anche per i servizi che negli ultimi tempi abbiamo messo a punto al fine di fornire la dovuta assistenza ai ragazzi con strategie e percorsi didattici guidati. A tal proposito, fra le varie collaborazioni intraprese con scuole e università, ci piace segnalare il rapporto privilegiato che si è stabilito già da un anno con il Liceo Classico “Gioacchino da Fiore” di Rende, che sotto la guida del dirigente scolastico Enzo Ferraro, ha avviato con noi un progetto di educazione all’arte e di familiarizzazione con i musei, che ha visto la partecipazione entusiasta di docenti e studenti.

Questo vogliono essere nelle nostre intenzioni e nei nostri fatti il Centro “Capizzano” e il Museo annesso, un luogo fisico da frequentare e dove è possibile  vedere opere d’arte, incontrare artisti, ascoltare studiosi e fare ricerca.

Anche l’occasione dataci dal Ministero dell’Economia e delle Finanze, dal D.A.R.C. del Ministero per i Beni e le Attività culturali, dalla Fondazione della Biennale di Venezia e dalla Regione Calabria di rientrare nel progetto “Sensi Contemporanei” con la raccolta delle nostre acquisizioni riguardanti il Secondo Novecento, è un ulteriore riconoscimento per il nostro lavoro e per il nostro ruolo di istituzione culturale.

 

 Franco Sammarco              

 Presidente del Centro “Capizzano”

 

indietro