"Da Picasso a Warhol"    dalla collezione di Carlo F.Bilotti                        

 

ritorna alla pagina artisti

Sam Francis

 

        (San Matteo, California , 1923 - 1994)

 

 

 

Composizione (Composition), 1987

 

Sam Francis approda alla pittura dopo aver studiato medicina e utilizzandola dapprima come forma di terapia, dopo aver subito un incidente aereo e un conseguente lungo periodo di immobilità. Abbandonata ben presto la figurazione si avvicina alle esperienze  non figurative con vaste tele monocrome bianche o nere animate da una giustapposizione di colori tenui. Attratto dall’arte informale, diventa un sostenitore dell’espressionismo astratto e attraverso il colore che sgocciola (dripping)  sulla tela posta in orizzontale da libero sfogo ad una gestualità energica ed appassionata. Allievo di Pollock e Rothko, Francis prende dalla pittura francese i valori atmosferici dell’impressionismo e la immediatezza del tachisme. L’incontro con l’arte giapponese in occasione di un viaggio nel Paese del Sol Levante (1957) lo avvicina alla filosofia zen, facendogli riconsiderare la sua vocazione espressionista in funzione spaziale e cromatica.

Ama le grandi dimensioni, le pennellate ampie, la trasparenze acquose, le macchie estese.

I colori sono sbavati e schizzano in tutte le direzioni secondo un andamento gestuale che ha dell’esoterico e dell’invasato. La composizione si sviluppa in modo asimmetrico, con una forte tensione che si sprigiona sulle superfici macchiate. Nel 1984 fonda la “Lapis Press”, una casa editrice di arti e filosofia e dà vita a una fondazione per la ricerca delle medicine alternative.

Preferisce i gialli luminosi, i rossi vivi e gli aranci squillanti, in composizioni piacevoli, piene di armonia, per niente violente, con una senso lirico di fondo che cerca sempre l’armonia. Grandi settori vuoti, spazi e aree bianche, un ritmo meditato denotato una sensibilità tutta orientale che permea tutta l’arte e la personalità di Francis.

Nelle grandi tele dell’ultimo periodo dominano i vuoti centrali, che diffondono una forte energia centrifuga. Il linguaggio si fa fluido e coinvolgente; in questo modo partecipato Francis guarda all’arte come ad un impegno etico nei confronti della vita stessa e degli altri.

 Vai all'artista seguente in catalogo

 

ritorna alla pagina artisti